DOVE RIPOSA SIMONETTA VESPUCCI,LA VENERE DI Sandro Botticelli?

Autoritratto Sandro BotticelliSandro Botticelli e' stato uno tra i piu' grandi pittori del Rinascimento  italiano. Nato a Firenze nel Marzo de 1445  nella zona di Via del Porcellana e morto sempre a Firenze nel 1510.

Fece apprendistato nella bottega di Filippo Lippi con il quale lavoro' a Prato negli affreschi della cappella maggiore del Duomo.

Quando Filippo Lippi si sposto' a Spoleto il Botticelli  frequento' le botteghe di Antonio del Pollaiolo e e di Andrea del Verrocchio.

La continua ricerca della bellezza assoluta al di la' del tempo e dello spazio, l'esaltazione della grazia come eleganza intellettuale lo fece avvicinare alla filosofia dell'Accademia Neoplatonica fondata dalla famiglia Medici nel 1462 ed animata da Marsilio Ficino ed Agnolo Poliziano che rivalutavano la cultura antica  ispirandosi a Platone ed al movimento umanista ma anche alla religione cristiana. L'uomo aveva nel mondo un posto privilegiato perche' attraverso la ragione poteva giungere alla contemplazione del divino.

Anche tramite la  contemplazione della bellezza e attraverso l'amore l'uomo poteva elevarsi dal regno inferiore della materia a quello superiore dello spirito.

Simonetta vespucciE' in questa visione che vorremmo soffermarci su due dei piu' famosi dipinti del Botticelli custoditi ora al Museo degli  Uffizi di Firenze: la  Nascita di Venere e la allegoria della Primavera, che grazie alla testimonianza di Vasari nelle "Vite" sappiamo si trovavano nella Villa Medicea di Castello nel 1550 e furono probabilmente dipinte dal pittore dal 1477 al 1485 anche se con differenti tecniche.

I personaggi mitologici della  Primavera  sottintendono varie teorie dell'Accademia Neoplatonica, l'amore carnale che innesca il cambiamento in natura e viene poi sublimato sotto lo sguardo di Venere ed Eros in qualcosa di migliore e piu' perfetto, le Grazie.

Nella  Nascita di Venere  si rappresenta l'arrivo di Venere dopo la  sua nascita dalla spuma del mare sospinta dai venti Zefiro ed Aura. La dea viene accolta da una delle ninfe che rappresentano le Ore, dee dell'ordine e delle stagioni che le sta' porgendo un ricco mantello ornato di fiori.

Al di la' della novita' con cui le figure spiccano con vivacita' ed immediatezza  dal fondo dei due quadri  e della cura  meticolosa dei dettagli  nei  miriadi di fiori e piante descritte, si scorge nelle due opere la ricerca di una nuova visione prospettica delle figure nello spazio.

Ma e' nella scelta del soggetto il vero messaggio che il grande artista  ci vuole tramandare. Nella filosofia Neoplatonica di Marsilio Ficino la figura di Venere e' uno degli elementi fondamentali: e' la Venere delle Stanze del Poliziano che e' all'origine della crescita spirituale di chi sa' dominare le proprie passioni, e attraverso l'amore puo' arrivare a Dio,poiche l'amore e' il fondamento del cosmo, "l'amor che move il sole e l'altre stelle" (Dante Alighieri, Divina Commedia  canto XXXIII ).

botticelli primavera

La Venere dell'Olimpo Pagano e l'amore vengono percio' totalmente reinterpretati e la grandezza del Botticelli sta' nell'averci raffigurato e tramandato questo sentimento.

La scelta di colei che doveva interpretare questo assoluto cambiamento, e sospingere l'anima alla  ricerca di  Amore   non poteva essere casuale.

A fare da musa ispiratrice e cosi' impersonificare la Venere celeste simbolo di purezza, semplicita' e bellezza Botticelli per sempre, sceglie " La Sans Par", la senza paragoni, Simonetta Vespucci,sposa di Marco della nobile casata dei Vespucci, cugino di Amerigo, il grande navigatore fiorentino, cosi'denominata da Agnolo Poliziano nelle sue "Stanze per la Giostra" scritto per il trionfo di Giuliano de Medici, fratello di Lorenzo il Magnifico, che amava Simonetta e vinse il Torneo cavalleresco che si svolse in Piazza Santa Croce nel 1475, poemetto in ottave iniziato e mai finito a causa della morte di Giuliano e del ferimento di Lorenzo durante la Congiura dei Pazzi nell'Aprile del 1478.

ognissantiScorcio interno della chiesa di Ognissanti

Simonetta morira' all'eta' di 23 anni di tisi  nell'Aprile del 1476 e verra' sepolta nella chiesa di Ognissanti, patronata dalla famiglia Vespucci.

Botticelli morira' piu' tardi nel 1510 ma alla sua morte egli lascio' scritto di essere sepolto ai piedi di Simonetta nella chiesa di Ognissanti.
Infatti la sua tomba si trova in una cappella laterale della chiesa,ma quella di Simonetta non c'e' piu'.

cappela orgnissanti

Pare che durante l'ultima alluvione dell'Arno la tomba di questa donna simbolo di grazia e bellezza e ideale umanistico dell'Amore nel Rinascimento fiorentino sia svanita nel nulla, forse ripresa dalle acque dalle quali proveniva come  Venere celeste immortale simbolo d'Amore.

tomba di Sandro Botticelli
Alessandro di Mariano di Vanni Filipepi era il vero nome di Sandro Botticelli

Certo il  Botticelli che  aveva espressamente chiesto di riposare per sempre ai suoi piedi, doveva ammirare molto Simonetta che era  diventata il simbolo del Femminino Sacro che protegge la verita' e la bellezza, tanto da rappresentarla per tutta la sua vita e probabilmente si dice, fare parte del Priorato di Sion, misterioso e leggendario ordine di ermetismo cristiano di cui pare aver fatto parte anche Leonardo da Vinci che  tra le altre cose valorizzava la figura femminile come custode della verita', per una ricerca di perfezione morale e spirituale.

botticelli remaigined

La mostra Botticelli Reimagined aprirÓ a Londa al Victoria and Albert Museum dal 3 marzo al 3 Luglio 2016.

Archivio:

uploadImgs/bannerino.png

 

Powered by: MR GINO